Home / Attrezzature fotografiche / Compact Flash e SD-Schede di memoria

Compact Flash e SD-Schede di memoria

Share on Facebook4Share on Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Le Compact Flash (CF) e le Secure Digital (SDHC/SDXC) sono lo standard in quasi tutte le fotocamere. Al giorno d’oggi sia le CF che le SD hanno raggiunto ampie capacità e grande velocità; sono una memoria allo stato solido (non hanno parti in movimento), sono molto affidabili e resistenti all’umidità, a temperature molto elevate o molto basse e alle cadute.

 

sandisk_64gb
La SanDisk Extreme Pro 64 GB, una delle migliori CF sul mercato.

L’evoluzione delle schede di memoria

Nei primi anni della fotografia digitale (2000-2002), c’erano numerosi formati di schede di memoria, e la capacità di misurava in MB, con velocità di qualche centinaio di Kb al secondo. Col tempo, molti formati sono scomparsi, e attualmente le CF e le SD sono lo standard. L’evoluzione tecnologica ha portato a prezzi molto più bassi, capacità e velocità molto superiori. Attualmente le memorie flash hanno raggiunto una capacità di 128 GB e velocità di 100 MB/s.

Le Compact Flash sono fisicamente più grandi delle SD e per molti anni sono rimaste immutate; nel 2009 è stato annunciato un nuovo standard, la CFast, che rappresenta un’evoluzione delle CF: le CFast sono basate sul Serial ATA bus, a differenza delle CF che utilizzano il Parallel ATA/IDE bus. Il SATA permette di raggiungere una velocità massima di 300 MB/s (il limite teorico per le CF è 133 MB/s). Attualmente non ci sono CFast sul mercato, nè fotocamere che supportino questo formato.

Le Secure Digital hanno avuto due grandi aggiornamenti; nel 2006 si sono evolute in SDHC (che attualmente è lo standard e raggiunge una capacità di 32 GB), e nel 2009 è stato annunciato il formato SDXC. Le SDXC hanno una massima capacità teorica di 2 TB e massima velocità 300 MB/s; le prime fotocamere compatibili con le SDXC sono state annunciate da Canon e altre case produttrici nel gennaio 2010. Toshiba e Panasonic hanno recentemente annunciato le prima SDXC con capacità di 64 GB e velocità 35 MB/s (233x); i prezzi sono ancora decisamente alti ($600), ma mi aspetto di vedere prezzi più contenuti col tempo, quando le SDXC cominceranno ad essere più diffuse.

Dimensioni e velocità

Quando scegliete una scheda di memoria, ci sono due cose da valutare: dimensioni e velocità. Solitamente non si può scegliere tra SD e CF, perchè la maggior parte delle fotocamere supporta solo uno di questi due formati, quindi dovete per forza prendere il formato supportato dalla vostra fotocamera. Se avete una delle poche reflex che supportano entrambi i formati (es. Canon 1D Mark IV, Nikon D300s), vi consiglio le CF se volete il massimo della velocità, mentre le SD possono essere una buona scelta se avete un’altra fotocamera che supporta solo questo formato, o se volete una scheda che sia leggibile direttamente dal vostro computer, senza usare un lettore esterno (la maggior parte dei portatili e alcuni desktop ha lettore SD incorporato).

Le dimensioni dipendono dalla fotocamera che utilizzate e dalle vostre attuali necessità. Come linea guida generica, per un viaggio con molte opportunità fotografiche (es. un safari) calcolo un massimo di 5-7 GB al giorno con una fotocamera da 10-12 megapixel, o 10-15 GB al giorno con una fotocamera da 20-25 mp. In altri tipi di viaggi (es. viaggi focalizzati su macro e paesaggi) utilizzo molto meno spazio perchè non sfrutto la raffica e sono più selettivo.

Alcuni fotografi preferiscono comprare numerose schede di limitata capacità invece che una sola scheda di alta capacità, perchè hanno paura di perdere tutte le foto se la scheda viene danneggiata. Questo è un argomento controverso; a mio parere, avere molte schede aumenta solo il rischio di perderne una. Le CF e le SD sono molto affidabili, ed è molto improbabile che vengano danneggiate. E’ curioso vedere che così tante persone si preoccupano delle schede CF/SD, per poi salvare tutte le foto sul singolo hard disk del computer (che è un supporto molto meno affidabile) senza nemmeno preoccuparsi di fare copie di riserva nel caso (abbastanza probabile) che prima o poi l’hard disk del computer sia danneggiato da problemi di software, virus o altri fattori. In ogni caso, questa è solo la mia opinione – ognuno può scegliere il formato di schede che preferisce :-)

La velocità dipende dal tipo di fotografia a cui ci si dedica e dall’utilizzo del video. Se fotografate animali e usate molto lo scatto a raffica, una scheda veloce è un vantaggio perchè aiuta a svuotare rapidamente il buffer. Per i paesaggi e la macro, una scheda veloce sono soldi buttati. Se utilizzate il video HD, vi serve una scheda abbastanza veloce per evitare video scattosi; in questo caso vi consiglio una scheda che abbia almeno una velocità di scrittura 200x (30 MB/s). Una cosa molto importante da ricordare è che la velocità reale dipende dalla fotocamera – se la reflex ha velocità di scrittura scarsa, potete anche usare la scheda più veloce del mondo, ma avrete comunque velocità di scrittura molto limitata.

Domande frequenti su CF e SD

Cosa significa la velocità specificata dalla casa produttrice? ogni produttore da una velocità in “x” alle schede. Per le CF e SD, un “x” corrisponde a 0.15 MB/s, così per esempio una scheda etichettata come 133x dovrebbe avere una velocità di 20 MB/s (0.15 x 133). Tuttavia, la velocità reale spesso è più bassa di quella specificata, dipende dalla fotocamera che utilizzate.

Come posso conoscere la velocità massima della mia fotocamera? potete chiedere sul JuzaForum per ricevere opinioni di altri possessori di quella reflex; inoltre, vi consiglio di dare un’occhiata al Rob Galbraith CF/SD database (non è sempre aggiornatissimo ma nel complesso è una buona risorsa).

Che marche consigli? SanDisk e Transcend sono le mie preferite; altre buone marche sono Lexar, Panasonic, Pretec. Vi consiglio di evitare le marche sconosciute che potrebbero essere meno affidabili di quelle più diffuse.

Che velocità serve veramente? Non vi serve sempre la scheda più veloce che sia disponibile per la vostra reflex! Se scattate foto di azione, per esempio uccelli e animali, e usate molto la raffica, una scheda veloce è d’aiuto ad essere sempre pronti a scattare. Ma se vi dedicate principalmente a paesaggi e macro, anche una scheda lenta va bene! Attualmente, io uso le Transcend 32 GB 133x per la mia 7D e 1DsIII: esistono schede più veloci, ma le Transcend 133x sono sufficienti per le mie necessità, e sono molto più economiche rispetto a schede più veloci.

Che capacità? Vi consiglio di scegliere la dimensione della scheda in base alle vostre attuali necessità…non pensate a quello che vi servirà tra sei mesi o un anno, pensate a quello che vi serve ora. I prezzi delle schede di memoria scendono rapidamente, quindi le schede non sono un buon investimento – quello che comprate ora per 100 Euro sarà disponibile tra un anno o meno a 50 Euro.

Che schede utilizzi? Attualmente ho tre CF Transcend 32 GB 133x (96 €). Tenendo conto della sua grandissima capacità, ha un buon rapporto qualità/prezzo; detto questo, dovendo scegliere una scheda ds 32 GB attualmente comprerei le molto più veloci Transcend 32 GB 400x che costano poco di più (156 €). In futuro le sostituirò con due Transcend 64GB 400x (330 €), ma non ho necessità urgente quindi aspetterò che i prezzi scendano un pò :-)

Qual’è la scheda più capiente attualmente disponibile? Sia Pretec che Silicon Power hanno una CF da 128 GB (quasi introvabile), ma tra le schede facilmente reperibili le più capienti sono attualmente la SanDisk 64 GB Extreme Pro 600x (570 €) e la Transcend 64GB 400x (330 €).

Qual’è la scheda più veloce attualmente disponibile? La SanDisk 64 GB Extreme Pro 600x (570 €), a 90 MB/s, è la più veloce compact flash sul mercato. La Pretec 667x in teoria è un pò più veloce (100 MB/s), ma è molto rara.

Che ne pensi degli hard disk portatili (es. Epson P5000)? Penso siano ormai una tecnologia superata. Al giorno d’oggi con poche schede ad alta capacità si possono memorizzare tutte le foto di un viaggio; le schede di memoria sono più affidabili e non richiedono energia. Durante il mio viaggio in Tanzania nel 2008, ho incontrato un paio di fotografi che si erano portati quattro HD portatili…dopo una decina di giorni, due di questi HD si erano rotti, a causa dell’ambiente polveroso e dei colpi che si prendono spesso nella jeep. In anni di fotografia, invece, non ho mai avuto problemi con una memoria flash.

Share on Facebook4Share on Google+0Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

400Le Compact Flash (CF) e le Secure Digital (SDHC/SDXC) sono lo standard in quasi tutte le fotocamere. Al giorno d’oggi sia le CF che le SD hanno raggiunto ampie capacità e grande velocità; sono una memoria allo stato solido (non hanno parti in movimento), sono molto affidabili e resistenti all’umidità, a temperature molto elevate o molto basse e alle …

Review Overview

User Rating: Be the first one !
0

Su Stepanenco Alexandru

Lascia un commento

Scroll To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: