Home / Ripresa in studio / Come usare l’illuminazione Low-Key per fotografie straordinarie

Come usare l’illuminazione Low-Key per fotografie straordinarie

Share on Facebook54Share on Google+1Pin on Pinterest1Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Introduzione

La fotografia Low-Key si ottiene quando si scatta una foto di un soggetto, e tutto – o quasi tutto – eccetto il soggetto è scuro. La si può ottenere abbastanza facilmente e in condizioni di luminosità. È tutta una questione di avere le impostazioni giuste sulla vostra fotocamera. È una tecnica fantastica, molto utile per focalizzare l’attenzione dell’osservatore su una parte specifica della foto, che di solito è il soggetto. Ecco come ho fatto.

Come ho fatto

Innanzitutto, vorrete che la luce ambientale sia il più bassa possibile, così da facilitarvi le cose, ma ciò non è strettamente necessario, dato che la maggior parte del lavoro viene svolto dalla fotocamera. Ecco una foto di un modello scattata con la mia fotocamera impostata su modalità programma. Giusto per darvi un’idea di quello che la macchina considera come l’esposizione corretta per questa situazione. Ha fatto un lavoro abbastanza buono, ma ha sovraesposto in modo eccessivo parti del viso per cercare di compensare la luce di sfondo. Questa foto è stata scattata a 1/60 di secondo, a f/4 e ISO 250, con il flash aumentato di un terzo.

low-key-2-1

Ecco adesso la stessa foto, solo che questa volta ho impostato la fotocamera in modalità manuale, in modo da poterla settare su impostazioni che sapevo avrebbero funzionato. In primo luogo, in questa foto sto usando un flash off-camera, ma non è necessario per ottenere una fotografia Low-Key, lo uso solo perché ne preferisco l’effetto. In secondo luogo, e questo è molto importante, ho impostato il flash con sincronizzazione ad alta velocità, in modo da poter scattare a velocità superiori a 1/250 di secondo. Ora non spiegherò nel dettaglio come funziona, ma un’occhiata veloce al manuale dovrebbe chiarirvi come fare. Dovete avere un flash off-camera. Per questa foto ho mantenuto l’ISO e la compensazione del flash costanti, ma per eliminare la luce ambientale, ho aumentato il tempo di esposizione a 1/1000 di secondo e ridotto l’apertura a f/8. Rispetto a prima, entra 1/64 della luce.

 

low-key-1-1

Potevo ancora vedere la luce dal mio flash perché era molto luminoso e diretto. Nella mia foto, il beauty dish nasconde la luce, ma nelle foto come quella sotto, ho fatto in modo che il flash rimanesse fuori dalla cornice. Questo aumento dell’esposizione del flash fa sì che il soggetto rimanga visibile mentre elimino tutta la luce ambientale dalla foto. Un buon modo per verificare quando avete eliminato tutta la luce è continuare a scattare foto senza il flash finché nella cornice non c’è più alcuna luce, e poi aggiungere il flash.

low-key-2

Se volete assicurarvi che nel frattempo la foto resti Low-Key, dovete tenere il vostro soggetto lontano da qualsiasi sfondo che possa interferire con gli scatti. Nella mia prima foto noterete che il modello era lontano dalle pareti. In questo modo la fotocamera non cattura luce in eccesso dal flash. Se volete sperimentare, aggiungere pochi dettagli sullo sfondo può risultare interessante, ma non si tratterebbe propriamente di una fotografia Low-Key.

low-key-5

Ogni tanto mi piace usare questa tecnica, ma quando lo faccio tendo a sperimentare con un’altra luce, come nella foto sopra. Il bello di tutto ciò è che si può fare ovunque, ad esempio in un corridoio, ovvero dove ho scattato alcune delle mie foto.Ho utilizzato una tecnica simile a quella appena descritta per la foto sotto, ma ho deciso che sarebbe stata una buona idea aggiungere delle luci sfuocate dal molo dietro per renderla più interessante. Di nuovo, non proprio Low-Key, ma non è importante – una volta che si conosce la tecnica, la si può applicare a molte situazioni differenti.

low-key

La fotografia dei concerti è un ottimo esempio di contesti in cui vedrete un bel po’ di fotografia Low-Key, non solo perché userete un flash, ma anche perché i lighting designers usano pochissima luce per ottenere un effetto migliore. Ecco una foto che ho scattato alcuni mesi fa.L’ho lasciata a colori per mostrarvi chiaramente con quale tipo di luce stavo lavorando. A un primo sguardo sembra in bianco e nero, e questo perché stanno usando solo una luce bianca su un vestito bianco e nero. Il bello di fotografare concerti è che l’illuminazione è sempre controllata, quindi è una cosa in meno di cui preoccuparsi.

low-key-21

Infine, ecco una foto caricata da uno dei miei lettori, Alexander Perez, che l’ha scattata a un concerto con una fotocamera molto semplice, da quanto si può vedere. Questo per dimostrarvi che non avete bisogno di un’attrezzatura costosa e unità di flash esterni per scattare una foto come questa. Grazie per aver letto il mio post. Se avete domande, lasciate pure un commento qui sotto.

 

 

Sorgente: http://www.expertphotography.com Traduzione: Agnese Scortichini
Share on Facebook54Share on Google+1Pin on Pinterest1Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Su Agnese Scortichini

Ciao, sono Agnese Scortichini, ho 25 anni e sono laureata in traduzione. Amo la cultura e l'arte in ogni sua forma, dalla letteratura alla fotografia. Nonostante non sia molto pratica con la macchina fotografica, ho buona volontà e molta voglia di imparare. Come ogni vero appassionato, del resto!

Lascia un commento

Scroll To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: