Home / Tutte le basi / Modalità-Priorità diaframma e Priorità tempo

Modalità-Priorità diaframma e Priorità tempo

Share on Facebook15Share on Google+1Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Modalità-Priorità diaframma e Priorità tempo_02

 Nelle ultime settimane abbiamo cercato diversi modi di esposizione e come uscire dalla modalità ‘Auto’ della tua fotocamera digitale.  Abbiamo analizzato il diaframma, la velocità di  scatto, ISO, e abbiamo scoperto ognuno di loro e modificarli quale impatto può dare alle tue immagini.

 Ora che abbiamo esaminato la teoria che come cambiare questi elementi modifichi un’immagine, mi piacerebbe vedere come usarli esaminando due modalità di scatto che hanno molte digitali e  che ti permettono di prendere un po’ di distanza dalle impostazioni automatiche per le quali potresti impiegare molto del tuo tempo.

 Le due modalità sono Priorità diaframma e Priorità di tempo

Un rapido revisore

Stiamo esaminando come i tre elementi del triangolo dell’esposizione si influenzino l’un l’altro.  Questo è particolarmente vero quando si tratta di diaframma e tempo di scatto.  Come aumenti la dimensione del diaframma (produci un foro più grande attraverso cui scatti) lasci più luce nel tuo sensore di immagine. Di conseguenza avrai bisogno di  tempi di scatto più brevi . in senso opposto, se aumenti la durata del tempo del tuo otturatore che è aperto,  riduci l’apertura del diaframma necessaria per ottenere uno scatto ben esposto.

Modalità di Priorità

Le modalità di Priorità Diaframma e Tempo sono davvero modalità semi-manuali (o semi-automatiche). Ti danno un certo controllo sulle impostazioni  ma ti assicurano anche di avere dalla fotocamera un’immagine ben esposta facendo alcune decisioni sulle impostazioni.  Lascia che ti spieghi ognuna separatemante:

Modalità priorità di diaframma

(spesso ha un simbolo  ‘A’ o ‘Av’ per indicare che è selezionata)

Modalità-Priorità diaframma e Priorità tempo_04

In questa modalità tu in qualità di fotografo, imposti  l’apertura che desideri utilizzare e la fotocamera prende una decisione sul tempo di scatto appropriato alle condizioni in cui stati scattando.

Quando si usa la modalità di priorità di diaframma?  Se ricordi il nostro tutorial sul diaframma vedrai che l’impatto principale che il diaframma ha avuto sulle immagini è stato per quanto riguarda la profondità di campo (DOF).  Di conseguenza la maggior parte delle persone usano la modalità di priorità di diaframma  quando tentano di avere controllo in questa area.  Se vogliono una bassa DOF ( per esempio nello scatto a destra che ha il fiore a fuoco ma lo sfondo bello e sfocato) sceglieranno un’ampia apertura ( per esempio f/1.4 – come nell’esempio a destra) e lasceranno che la fotocamera scelga un adeguato tempo di scatto.  Se vogliono un’immagine con tutto a fuoco devono scegliere un’apertura più piccola ( per esempio f/22) e lasciare che la fotocamera scelga un tempo di scatto appropriato ( generalmente un po’ più lungo).

Quando scegli un’apertura tieni in mente che la fotocamera sceglierà tempi di scatto più brevi o più lunghi e che arriverà a un punto in cui i tempi di scatto saranno troppo lunghi per continuare a tenere in mano la tua fotocamera (di solito circa 1/60). Una volta che si raggiunge un livello più lento di questo, è necessario considerare l’utilizzo di un treppiede.  Anche se stai fotografando un soggetto in movimento, il tempo di scatto influenzerà il modo in cui è stato fotografato, e una bassa velocità di scatto significherà fotografare il soggetto non nitido.

Modalità di Priorità di Tempo

(Spesso ha il simbolo di Tv o S)

In questa modalità tu in qualità di fotografo scegli il tempo di scatto con cui desideri fotografare e lasci che la fotocamera prenda una decisione su quale apertura scegliere per ottenere una foto ben esposta.

Quando si usa la Modalità di priorità di tempo?- nel nostro tutorial sulla velocità di scatto su come l’impatto principale delle diverse velocità di scatto era su come “il movimento” sarebbe stato catturato nelle tue immagini.  Di conseguenza la maggior parte delle persone passa alla modalità di priorità di tempo quando vuole avere più controllo sul fotografare un soggetto in movimento.

Per esempio se desiderano fotografare una macchina da corsa ma vogliono bloccarla completamente quindi non deve esserci sfocatura dovuta al movimento, scelgono un tempo di scatto veloce (diciamo a 1/2000 come nel primo scatto in basso) e la fotocamera prenderà in considerazione quanta luce c’è a disposizione per impostare un’apertura adeguata.  Se invece vuoi fotografare l’auto ma con alcune sfocature per indicare quanto sia veloce l’auto in movimento, dovresti scegliere un tempo di scatto più lento ( come la seconda foto di seguito che ha una velocità di scatto di 1/125) e la fotocamera di conseguenza dovrebbe scegliere un’ apertura più piccola.

1:2000-1

1:125-1

Tieni a mente che la fotocamera scegliendo diverse aperture modificherà la profondità di campo nella tua immagine.  Questo significa che se scegli un veloce tempo di scatto per bloccare il tuo oggetto in rapido movimento questo avrà una DOF limitata.

Pratica

Come puoi vedere, la Modalità di priorità di diaframma e tempo ti daranno un maggiore controllo sulle tue immagini ma hai bisogno di un po’ di partica per abituarti a usarli.

Modalità-Priorità diaframma e Priorità tempo_01

Modalità-Priorità diaframma e Priorità tempo_03

Mentre li utilizzi hai bisogno di pensare non solo all’impostazione che utilizzi ma anche a tenere d’occhio l’impostazione che la fotocamera utilizza per te.

Il modo migliore per imparare a usare la modalità di priorità di diaframma e di tempo è quello di prendere la tua fotocamere, portarla fuori con te e sperimentare.  Passa alla modalità Av o Tv e inizia a giocare con le diverse impostazioni ( scattando molte foto mentre cammini)  in particolare guarda come la fotocamera apporta modifiche per compensare le tue selezioni  e che impatto ha sulle foto che scatti.

Nella modalità di priorità di diaframma fai alcuni scatti con la più grande apertura possibile (numeri piccoli) e vedi come si sfoca lo sfondo (ma aumenta anche la velocità di scatto) e poi vai verso l’altra estremità dello spettro e fai degli scatti con la più piccola apertura possibile( numeri grandi) per vedere come la tua immagine si mantiene più a fuoco.

In modalità di priorità di tempo gioca con i tempi di scatto lenti e veloci e vedi come impatta la DOF.

Non essere frustrato se i tuoi scatti iniziali non sono quello che ti saresti aspettato – ci vuole la partica per capire bene queste modalità. Ma ricorda che quando sarai maestro nell’utilizzarle avrai un controllo molto più creativo sui tuoi scatti.  Vale veramente la pena impararle.

Share on Facebook15Share on Google+1Pin on Pinterest0Tweet about this on TwitterEmail this to someone

1510  Nelle ultime settimane abbiamo cercato diversi modi di esposizione e come uscire dalla modalità ‘Auto’ della tua fotocamera digitale.  Abbiamo analizzato il diaframma, la velocità di  scatto, ISO, e abbiamo scoperto ognuno di loro e modificarli quale impatto può dare alle tue immagini.  Ora che abbiamo esaminato la teoria che come cambiare questi elementi …

Review Overview

User Rating: Be the first one !
0

Su Stepanenco Alexandru

Lascia un commento

Scroll To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: